Site icon che-blog

Ferie pagate: storia di conquista e solidarietà

Annunci
, Ferie pagate: storia di conquista e solidarietà

Dove e quando sono state introdotte per la prima volta le ferie pagate?

Un tempo, quando il lavoro si svolgeva in massima parte nei campi ed era il ritmo delle stagioni a dettare pause e giorni di riposo per tutti, le ferie retribuite probabilmente non erano considerate una priorità.

Ma in seguito alla rivoluzione industriale e alla diffusione del lavoro in fabbrica divennero tantissimi i lavoratori che avevano come uniche giornate di riposo le domeniche e le poche festività religiose in calendario.

Il primo Paese a riconoscere dei giorni di ferie retribuiti ai lavoratori fu il Regno Unito. Nel 1871, il Bank Holiday Act introdusse alcune giornate – 4 in Inghilterra e Galles, 3 in Scozia – di vacanze pubbliche, ma non per tutti.

Il primo Stato a ideare un sistema di ferie retribuite valido per tutti i lavoratori fu invece la Francia, con una legge scritta nel 1925 e promulgata undici anni dopo, nel 1936.

In Italia il tema venne trattato per la prima volta nel 1927 sotto il regime fascista con la Carta del Lavoro. È solo con la Costituzione del 1948, però, che vengono ufficialmente introdotte le ferie retribuite per come le intendiamo oggi.

Gli organismi internazionali – come l’ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro) e l’Unione Europea – hanno avuto un ruolo importante nella diffusione globale delle ferie retribuite, indicando delle linee guida progressivamente accettate e a volte superate dalle singole nazioni.

Exit mobile version