L’incredibile storia del peggior nuotatore di sempre

, L’incredibile storia del peggior nuotatore di sempre
Eric Moussambani alle Olimpiadi di Sidney

In una gara di qualificazione dei 100 metri a stile libero, alle Olimpiadi di Sidney del 2000, gareggiarono in tre: il nigeriano Karim Bare, il tagiko Farkhod Oripov ed Eric Moussambani, 22 anni, della Guinea Equatoriale. Moussambani era arrivato lì praticamente per caso: non era un nuotatore ma un pallavolista. Non aveva mai visto una piscina olimpionica in tutta la vita e aveva imparato a nuotare appena 8 mesi prima, da solo, nella piscina di un hotel di Malabo. Moussambani era riuscito a partecipare alle qualificazioni per le gare olimpiche grazie a un programma speciale riservato agli atleti originari dei paesi in via di sviluppo. Gli altri due nuotatori si tuffarono prima del segnale acustico: falsa partenza, squalificati. Moussambani doveva quindi gareggiare da solo e sperare di fare il miglior tempo possibile. L’entrata in acqua non fu proprio spettacolare. I primi 50 metri riuscì a farli decentemente: il suo stile non somigliava affatto a quello dei professionisti ma se la cavò. L’ultima vasca invece sembrò non finire mai. Moussambani era stremato e sembrava sul punto di fermarsi, mentre il pubblico lo acclamava tentando di fargli coraggio.

Le 17 mila persone all’interno del palazzetto dello sport, infatti, che all’inizio lo avevano fischiato, iniziarono ad applaudire e a incitarlo. Moussambani concluse la prova in 1′ 57″52, il tempo più lento della storia delle Olimpiadi, pari a più del doppio della media degli altri nuotatori. «Non sono mai stato così stanco in tutta la mia vita. Non ero neppure mai stato in una piscina così grande in tutta la mia vita», raccontò ai giornalisti a fine gara. «Ma tutti facevano il tifo per me ed è stato come vincere una medaglia d’oro». Dopo la gara Moussambani venne ribattezzato dai media “Eric l’Anguilla” e diventò così popolare che lo staff olimpico decise di affiancargli un interprete per aiutarlo ad accettare le oltre cento richieste di interviste dei media mondiali. La marca di costumi Speedo gli regalò una tutina per aiutarlo a nuotare più velocemente, oltre a ingaggiarlo per un tour promozionale in Europa di un anno. Negli anni successivi Moussambani continuò ad allenarsi, anche se non riuscì a partecipare alle Olimpiadi di Atene del 2004 per un problema di visto, nè a quelle successive a Pechino.

3 commenti

  1. Quando facevo piscina, a 14 anni, partecipai ad una gara: nella mia categoria eravamo in 3 a gareggiare e su tre competizioni riuscii a piazzarmi una volta secondo e altre due volte terzo.
    Tutt’ora, prima mi vanto delle medaglie, poi racconto com’è andata la storia e ci facciamo un bella risata. Mi piacerebbe gareggiare con Eric chissà come finirebbe 😀

Rispondi